Oggi la cittadina di Agropoli, che solo nel corso dell'Ottocento incominciò ad espandersi oltre il perimetro delle mura medioevali, conserva intatto il centro antico e gran parte del circuito delle mura difensive col portale seicentesco d'ingresso. Sul vertice dei promontorio resta il castello angioino-aragonese (su impianto bizantino di Vi sec.), mentre ad ovest dell'attuale porto turistico s'innalza a picco sul mare la torre costiera (XVI sec.) detta di S. Francesco, accanto ai resti rimaneggiati dell'omonimo convento.
Nell'Antiquarium comunale sono raccolti notevoli reperti archeologici, dalla preistoria all'età medioevale. Agropoli è famosa, tuttavia, soprattutto per il mare incontaminato che ogni anno la rende meta esclusiva di migliaia di turisti.
Uno degli angoli più ameni di Agropoli è senza dubbio la baia di Trentova, grande attrattiva, non solo per il suo paesaggio selvaggio e incontaminato, ma soprattutto per le sue acque limpide e cristalline. La baia prende il nome dallo scoglio omonimo detto di Trentova perché, secondo la tradizione popolare, in tempi remoti furono rinvenute nelle grotte sottostanti lo scoglio trenta uova di gabbiano.
Anche ad Agropoli č possibile degustare i prodotti tipici campani, come il famosissimo limoncello, il liquore ottenuto dagli inconfondibili limoni della Costiera Amalfitana, o il liquore al finocchietto, al lauro, al mandarino, senza dimenticare gli squisiti babā al limoncello, tutti prodotti dalla ditta Shaker.

Tra gli alberghi consigliati : Hotel Serenella
   


 
indietro
<< >>